16.6.16

Recensione LO STRANO VIAGGIO DI UN OGGETTO SMARRITO - IO LEGGO

Ciao sogntori,
sono presissima dalla mia sessione estiva ma non vi mollo, ve l'avevo detto, mi dovrete sopportare per tutta l'estante, ma che per tutto il prossimo anno, e quello dopo, e quello dopo ancora.. manie di onnipresenza.

Dopo il mio solito momento di delirio, oggi pariamo di libri, recensione di un libro attesissimo e super chiacchierato!!

Autore: Salvatore Basile
Titolo: Lo strano viaggio di un oggetto smarrito
Casa editrice: Garzanti
Anno pubblicazione: 5 Maggio 2016
Genere: Narrativa Contemporanea
Pagine: 294
★★★★★ Tu di che colore sei?

Trama:
Il mare è agitato e le bandiere rosse sventolano sulla spiaggia. Il piccolo Michele ha corso a perdifiato per tornare presto a casa dopo la scuola, ma quando apre la porta della sua casa nella piccola stazione di Miniera di Mare, trova sua madre di fronte a una valigia aperta. Fra le mani tiene il diario segreto di Michele, un quaderno rosso con la copertina un po’ ammaccata. Con gli occhi pieni di tristezza la donna chiede a suo figlio di poter tenere quel diario. Lo ripone nella valigia, promettendo di restituirlo. Poi, sale sul treno in partenza dalla banchina. Sono passati vent’anni da allora. Michele vive ancora nella piccola casa dentro la stazione ferroviaria. Addosso, la divisa di capostazione di suo padre. Negli occhi, una tristezza assoluta, profonda e lontana. Perché sua madre non è mai più tornata. Michele vuole stare solo, con l’unica compagnia degli oggetti smarriti che vengono trovati ogni giorno nell’unico treno che passa da Miniera di Mare. Perché gli oggetti non se ne vanno, mantengono le promesse, non ti abbandonano. Finché un giorno, sullo stesso treno che aveva portato via sua madre, incastrato tra due sedili, Michele ritrova il suo diario. Non sa come sia possibile, ma Michele sente che è sua madre che l’ha lasciato lì. Per lui. E c’è solo una persona che può aiutarlo: Elena, una ragazza folle e imprevedibile come la vita, che lo spinge a salire su quel treno e ad andare a cercare la verità. E, forse, anche una cura per il suo cuore smarrito. Salvatore Basile ci regala una favola piena di magia, emozione e speranza. Una nuova voce italiana indimenticabile, che disegna un sorriso sul nostro cuore.

Lo consiglio ?!
Siamo arrivati al 15 Giugno e ho dato le mie prime 5 stelline, direi che consigliare questo libro è riduttivo.
E' sempre durissima scrivere una recensione sensata quando un libro mi è piaciuto così tanto, quindi scusatemi già in partenza se mi perderò per tangenti lontane, leggete questo libro e capirete.

14.6.16

BOOK TAG: vita segreta di una BookBlogger


Ciao lettori cucciolisi, lo so è strano che di martedì pubblico qualcosa ma ho programmato post a manetta e questo tag era da troppo tempo che lo rimandavo ehm ehm.
Quindi dicevamo Book Tag: la vita segreta di una bookblogger, quindi scopriamo insieme la mia vita segreta. Siete curiosi ?!
Ringrazio Chiacchiere Letterarie per avermi taggato!!

Da quanto tempo sei nella blogosfera?
Nella blogosfera ci sono da un bel po', diciamo da 10 anni, da quando i blog si sono iniziati a diffondere, io navigavo molto sul web e cercavo consigli di ogni genere, ho scoperto Clio Make-up perché dovevo imparare a fare uno smokie eyes (cosa che non ho mai imparato!!!).
Nella blogosfera, con il mio stupido e bizzarro angolino ci sono dal 16 settembre 2014. Se vi può interessare questo è stato il mio primo post, una presentazione alquanto fuori di testa, nel mio stile insomma, INIZIAMO CON LA MIA VITA.

Quando pensi di “ritirarti”?
M.A.I.
Ci sono donne in carriera, mamme e nonne che hanno blog quindi non ci sarà imprevisto che mi impedirà di non mantenere il blog.
Realisticamente parlando presumo che con il passare degli anni forse cambierà struttura, chissa. Ma mai e poi mai chiuderò e mi ritirerò, ormai la mia vita è anche in parte il mio blog. E voi!!

Qual è l’aspetto migliore dell’avere un blog?
Condivisione, a 360 gradi. Dialogare con le persone, fangirlizzare su libri o film. Conoscere autori e emergenti che ti entrano nel cuore.
Da quando ho aperto il blog probabilmente la mia passione per i film e i libri si è amplificata, non che prima fosse una cosa marginale della mia vita, ma ora è proprio diventata quotidianità. Parlare di libri, film, autori, leggere scritti inediti, emergenti, autopubblicati, nottate in bianco per gli Oscar. E' tutto una condivisione.

4.6.16

IL DIAVOLO VESTE PRADA, Recensione + Sfida di Film 016

Ciao miei cari sognatori, oggi post dedicato alla Sfida di Film 016, se non sapete cos'è venite QUI.
Ma in sintesi si tratta della sfida, challenge, che ho indetto per quest'anno così siamo "costretti" a guardare anche un po' di film e non solo libri!!
L'obiettivo del mese di Maggio era quello di guardare un film con un attore/una attrice preferita.
Decisione ardua, visto che io amo un po' tutti e vado più a film che ad attore ma una delle miei preferite, se proprio devo scegliere, è Anne Hathaway quindi ho deciso di parlarvi di un film in cui la vede protagonista, Il diavolo veste Prada
Vi lascio il TRAILER nel caso non conosciate il film.

Titolo: Il diavolo veste Prada (The Devil Wears Prada)
Regista: David Frankel
Attori principali: Meryl Streep, Anne Hathaway, Emily Blunt, Stanley Tucci
Genere: Commedia
Uscita: 13 Ottobre 2006 (Italia)
★★★

Un film divertente, comico ma anche una denuncia velata al mondo della moda. Il cast è eccezionale, Meryl Streep e Anne Hathaway danno sfoggio di tutta la loro bravura, due interpretazioni uniche, perfette, emozionanti.
Un applauso extra va alla divina Meryl è dentro al personaggio fino al midollo, ci fa vivere tutte le sue facce anche con un semplice sguardo.
Ambientato in una New York frenetica, Runway il sogno di tutte le ragazze, tranne Andy, la protagonista che si ritrova a lavorare in un mondo che non le appartiene. Un mondo che viene presentato come tentatore e lei solo alla fine riesce a ritrovare se stessa, con un bel vestito e un po' di trucco in più.
Copyright © PALLE DI NEVE DI CO
Template by: La Creative Room